Quando lo sport non fa bene: dall’allenamento al sovrallenamento

Per allenamento si intende un’attività motoria costante e progressiva dove la persona, nel tempo, migliora l’efficienza fisica generale e specifica alla disciplina svolta.

Le esercitazioni devono mirare a modificare l’equilibrio organico individuale e ripristinarlo ad un livello superiore.

E’ importante allenarsi? Sicuramente si, se rispettiamo il principio fondamentale del sovraccarico progressivo, cioè aspettare che il corpo sia fisiologicamente pronto ad accettare un ulteriore stress allenante.
Il meccanismo alla base del miglioramento di una prestazione, consiste nella capacità di adattamento dell’organismo che, sottoposto al cosiddetto carico d’allenamento reagisce positivamente con una serie di modificazioni morfologiche e funzionali, dipendenti dal lavoro svolto. Tali miglioramenti organici, di tipo cardiovascolare, respiratorio, muscolare, endocrini,  psicologici, ecc., variano in percentuale in base allo sport praticato.
E’ opinione comune che l’attività fisica adeguata e regolare migliora la salute in generale e inoltre, che l’essere umano non è fatto per stare fermo. E’ importante, comunque, non dimenticare le insidie che si celano dietro un errato approccio alla stessa.
Molte volte, purtroppo, ci sentiamo dire che uno sport è più indicato rispetto ad altri, senza pensare alle proprie individualità, come età, sesso, storia motoria, traumi recenti o passati, forma fisica attuale, ecc. Questa generalizzazione non solo espone la persona a rischi per la salute, ma potrebbe essere essa stessa potenzialmente pericolosa creando nel tempo disfunzioni.
Quindi, prima di iniziare attività sportive, soprattutto ad alto impatto, sarebbe bene confrontarsi con personale qualificato, che sappia valutare e consigliare l’attività motoria più idonea.
L’attività fisica è in grado di stimolare la produzione di diversi ormoni, che riescono a mantenere/migliorare l’equilibrio metabolico, condizione indispensabile per una buona salute fisica. Un esempio è il “GH” chiamato anche ormone della crescita, che stimola l’ipertrofia cellulare aumentando la massa magra, riduce i depositi di grasso corporeo e rende l’epidermide più elastica. Altro ormone con analoghi risultati anabolici è il “testosterone”, che è in grado di stimolare anche la libido.
Nel dettaglio, durante lo stimolo allenante, i muscoli per produrre energia prelevano il glucosio (zuccheri) nel torrente ematico, con il perdurare dello sforzo fisico entrerà in azione il “glucagone” , ormone secreto dal pancreas, che per mantenere i livelli di glucosio necessari, promuoverà la glicogenolisi epatica.
Superata questa fase considerata come normale risposta organica all’allenamento, il corpo, macchina biologica meravigliosa,  con il prolungamento del lavoro, è in grado di accontentare le ulteriori richieste di energia, con i sistemi ormonali di emergenza: produzione di “adrenalina” quando lo sforzo è intenso ma di breve durata e il “cortisolo”  quando lo stress si prolunga ulteriormente.
Quando durante gli allenamenti un’atleta, sottoposto a stress psicofisici continui e ai limiti delle sue possibilità fisiologiche, manifesta regolarmente questa condizione metabolica, potenzialmente rischiosa per l’organismo, ci troviamo in presenza di overtraining o sovrallenamento. Detta situazione, se non gestita bene, altererebbe in maniera significativa lo stato di salute generale dell’individuo, velocizzando i processi d’invecchiamento. Infatti, con questa acidificazione tessutale accompagnata dalla presenza continua di radicali liberi, in un primo momento, i sintomi sono irritabilità, dolori muscolari e articolari, umore a terra, pressione bassa, stanchezza cronica, ecc.; con il perdurare della situazione, si avrà un deterioramento del corpo, le ossa iniziano gradualmente a perdere il loro contenuto minerale, la pelle diventa meno elastica, le difese immunitarie si abbassano, ma soprattutto si hanno ripercussioni importanti a livello cognitivo, come perdita di concentrazione e della memoria. E’ normale che a questo va aggiunto,  una maggiore incidenza di lesioni traumatiche muscolo-tendinee e articolari.
Se dovessero comparire dei sintomi da sovrallenamento sarebbe opportuno fare un analisi del sangue e valutare i risultati del  CPK, cortisolo, ematocrito e azotemia, ecc..

CONSIGLI UTILI

Sfatiamo subito un falso mito, che la sindrome da overtraining colpisce solo gli atleti.

Ognuno di noi ha una propria soglia di tollerabilità allo sforzo fisico, quindi anche il principiante che inizia un programma di allenamento intenso, al di sopra delle sue capacità rischia di innescare i meccanismi perversi del sovrallenamento, sopra descritti.

Ovviamente, qualora ci trovassimo a fronteggiare la sindrome da overtraining , fondamentale è confrontarsi subito con un medico. Intanto, sarebbe consigliato fermare gli allenamenti per almeno tre settimane, dormire possibilmente 8 ore a notte, bilanciare l’alimentazione diminuendo l’assunzione di proteine animali e aumentare il consumo di carboidrati.
Tra gli integratori consigliabili, sicuramente multivitaminici, che hanno un’azione tampone sui radicali liberi, la glutammina che migliora l’idratazione e la rigenerazione dei muscoli, il potassio per immagazzinare i carboidrati e sicuramente per il miglioramento globale del nostro organismo non deve mai mancare il contributo del magnesio.
Lo sport fatto bene è indice di salute, quindi rispettiamo le esigenze del nostro corpo e quando ci sentiamo stanchi ricordiamoci che è meglio un buon riposo che un cattivo allenamento.

(art. pubblicato sulla rivista “il Finanziere”)