“L’Unione Sindacale Italiana Finanzieri (USIF), si unisce al ricordo delle vittime della strage di Bologna.

A 42 anni di distanza, quel terribile evento rimane una ferita aperta per l’Italia.

Per questo, serve una testimonianza continua in difesa di democrazia, giustizia e libertà.

USIF non dimentica le 85 persone uccise e gli oltre 200 feriti di quel tragico 2 agosto 1980. Si unisce, quindi, alla giornata di commemorazione e solidarietà ai familiari delle vittime.”

Così, in una nota, Vincenzo Piscozzo, Segretario Generale dell’Unione Sindacale Italiana Finanzieri (USIF).