USIF scrive al COGE: possiamo fare un passo in più non solo per il contenimento dei costi…ma anche per il personale.

Procedura d’avanzamento a scelta per esami al grado di Maresciallo Aiutante. 

Le Segreterie Regionali USIF di Lombardia, Piemonte, Liguria, Valle d’Aosta, Emilia Romagna e Veneto, nel solco dell’attenzione da sempre prestata da questa O.S. alla meritocrazia che si manifesta, nel suo apogeo, nel momento delle progressioni di carriera, hanno appreso con qualche stupore che per la procedura in corso per l’avanzamento a scelta per esami al grado di Maresciallo Aiutante, saranno utilizzate due sedi d’esame:

1) il Centro di Reclutamento di Roma per il personale in servizio nei Reparti della Regione Lazio;

2) la Legione allievi di Bari, per il personale proveniente dal resto d’Italia.

Nel medesimo foglio d’ordine di indizione, al fine del contenimento dei costi, si dà esplicito incarico ai Comandi Regionali di provvedere, per quanto possibile, a mettere a disposizione gli automezzi dell’Amministrazione per il trasporto dei candidati.

Si osserva con rammarico che per questa tornata di prove concorsuali non tutto il personale sarà messo nelle medesime condizioni.

Parte del personale, al fine del contenimento dei costi, verrà esonerato dal raggiungere la sede naturale” e sosterrà l’esame in una sede prossima a quella dove presta servizio; la restante parte dei candidati per sostenere l’esame dovrà percorrere in molti casi anche oltre 1.000 chilometri, utilizzando, quale mezzo comandato (non eludibile se non a spese proprie) un automezzo dell’amministrazione, non sempre – anzi, quasi mai – di recente immissione in servizio.

D’altro canto, si osserva con favore che la sollecitudine nell’avvicinare la sede d’esame al maggior numero di candidati, per le prossime occasioni – anche per motivi economici, ma non solo- potrebbe favorire l’individuazione di una ulteriore soluzione logistica anche per il personale in servizio nei Reparti del nord Italia. La rinnovata sede dell’Accademia di Bergamo, ad esempio, ben potrebbe rappresentare una soluzione funzionale sia in termini di centralità, come dislocazione geografica, che di accessibilità – rispetto alle principali vie di comunicazione.

Siamo sicuri che le riflessioni sopra esposte potranno aiutare la nostra Amministrazione a fare un ulteriore passo in avanti anche, ma non solo, per il contenimento dei costi. Siamo sicuri che non solo a noi sta a cuore la meritocrazia.

I Segretari Regionali Usif

Pasquale Di Nardo – Coordinamento Regionale Lombardia

Matteo Medici – Coordinamento Regionale Veneto

Mirko Saturno – Coordinamento Regionale Piemonte

Sergio Bianconi – Coordinamento Regionale Liguria

Valentino Giordano – Coordinamento Regionale Emilia Romagna

Fabio Zucco – Coordinamento Regionale Valle d’Aosta